E quanto importante è metterne alcuni prima di altri?

La sequenza di applicazione dei prodotti per la cura della pelle è estremamente importante, applicare i prodotti nell’ordine corretto garantisce alla pelle di ricevere tutti i benefici di ogni prodotto tanto da avvantaggiare o meno i risultati che i cosmetici professionali svolgono.

La pelle ha una permeabilità selettiva e una delle sue funzioni principali è quella di impedire che alcune sostanze la trapassino. Tuttavia quello che noi vogliamo è che gli attivi dei nostri prodotti di skincare invece penetrino, innescando così delle reazioni che avranno lo scopo di migliorarla.

Purtroppo solo una quantità molto piccola di questi ingredienti chiave, presenti nelle formule più ricercate può essere assorbita dalla pelle, e se i prodotti non vengono applicati nell’ordine corretto si rischia di non ottenere nessun beneficio e nessun cambiamento.

La domanda che spesso mi rivolgono è:

Come devo usare i prodotti nella maniera corretta?

Durante i trattamenti viso uso dire a “layering”, cioè a strati.

Quello che ti suggerisco è di tenere a mente una semplice regola: applicare prima i cosmetici dalla texture più leggera, poi quelli più corposi e gli oli.

Ma non solo, anche l’ordine di importanza degli attivi che occorrono per trattare gli inestetismi della tua pelle.

Ti faccio un esempio: prima si applicano sieri con peptidi e antiossidanti, se si deve trattare una pelle reattiva, e poi a seguire creme idratanti e nutrienti che devono rimanere “sopra” la cute per proteggere.

Ma qual è la beauty routine viso che funziona di più?

“Per i migliori risultati la coerenza è la chiave” e quello che raccomando alle clienti nuove che si approcciano ai miei trattamenti viso di skinrevision.

Innanzitutto facciamo 2 macro distinzioni: quello che si deve fare per il giorno e quello che è opportuno fare per la notte.

Al mattino serve un’azione di prevenzione e di protezione: dal sole, dall’inquinamento e dalle aggressioni esterne.

Nella notte invece serve un’azione riparatrice e rinnovatrice, a base di principi attivi atti per incrementare la produzione di collagene, di fibroblasti e aumentare il turnover cellulare. L’utilizzo del retinolo è per esempio un ingrediente chiave che io consiglio molto.

Al mattino

Passaggio 1: detersione

Si inizia lavando il viso con acqua e un detergente delicato adatto al proprio tipo di pelle. La detersione è il passaggio essenziale ed insostituibile per avere una bella pelle.

Passaggio 2: toner

Sebbene il tonico sia un prodotto spesso sottovalutato, le formulazioni di ultima generazione sono invece davvero miracolose. Il toner o tonico ha molteplici funzioni, è ricco di antiossidanti, facilita la penetrazione dei prodotti successivi, contiene vitamine, è lenitivo e antinfiammatorio, rinfrescante. Una volta i tonici erano molto alcolici e per alcune pelli diventavano irritanti, inoltre venivano impiegati per bilanciare il PH troppo alto lasciato dai latti detergenti, ora invece sono diventati indispensabili per ottenere una cute radiosa.

È comunque meglio scegliere il tonico in base al proprio tipo di pelle.

Passaggio 3: siero antiossidante

I sieri sono dei trattamenti veri e propri, super concentrati, studiati e formulati per essere d’aiuto ad affrontare svariati inestetismi, perciò non devono mai mancare nella beauty routine.

Gli antiossidanti sono dei validi alleati per contrastare le rughe, l’acne, le macchie, l’ipersensibilità cutanea.

Raccomando di inserire un siero antiossidante al mattino, perché offre una serie di benefici, uno importante in questo periodo è l’attenuazione della risposta infiammatoria, causata da agenti inquinanti e da raggi UV.

Passaggio 4: contorno occhi

Secondo le più recenti ricerche è fondamentale applicare una crema contorno occhi 2 volte al giorno: mattino e sera, a partire dai 20 anni.

Applicare il contorno occhi significa mantenere in ottimo stato la qualità dell’area della cute intorno agli occhi impedendo che la zona diventi lassa e perda la quantità di collagene. Utilizzare un prodotto specifico fa sì che la pelle diventi più “spessa” e perciò meno soggetta a rughe precoci, ogni viso ha delle caratteristiche diverse anche nell’utilizzo della muscolatura mimica: ecco che anche il contorno occhi va scelto in base alle proprie reali necessità, c’è chi è soggetto ad occhiaia scure, chi invece a borse pesanti, chi a sottili linee di espressione.

Passaggio 5: idratare

Tutti hanno bisogno di una crema idratante, anche se si ha la pelle grassa. Sebbene il nostro corpo sia perfettamente in grado di regolare la “lubrificazione” tramite le ghiandole sebacee, che producono sebo e garantiscono il film idrolipidico che funge da barriera protettiva contro agenti esterni e infezioni. La maggior parte di noi ha alterato questo sistema a causa dell’utilizzo di detergenti troppo aggressivi, perciò è bene integrare con un’azione idratante “extra”, da scegliere in base alle stagioni dell’anno. In inverno la nostra pelle ha bisogno di essere idratata con più rigore rispetto alla stagione calda.

Passaggio 6: SPF

La protezione solare dovrebbe essere l’ultimo passaggio della beauty routine per proteggere la pelle sia dai raggi UV sia dall’inquinamento in genere. SPF, come dico sempre, è il migliore antiage che esista! In commercio si trovano due tipologie di filtri: fisici e chimici. Personalmente preferisco quelli fisici, perché quelli chimici per essere efficaci devono essere assorbiti dalla pelle, quindi l’applicazione dopo la crema idratante ritarderà o ostacolerà la loro funzione protettiva. Stesso ragionamento se si applica la crema solare con filtro chimico prima della crema idratante: la stessa non funzionerà altrettanto bene perché sarà ostacolata dallo strato del precedente prodotto.

Attualmente le migliori creme protettive sono quelle con filtro fisico a base di zinco con l’aggiunta di sostanze idratanti, poiché proteggono il viso in modo sicuro, efficace e con ampio spettro di protezione contro i raggi UVA e UVB.

Nella notte

Poiché la pelle si ripara naturalmente di notte, la tua beauty routine dovrà essere focalizzata nei trattamenti che servono a dare alla tua pelle ciò di cui ha bisogno. Esempio: se la tua pelle appare spenta bisogna esfoliarle, se è irritata sarà da proteggere ed idratare.

Ecco il miglior ordine di applicazione dei prodotti per ottenere il massimo dei risultati:

Passaggio 1: DETERSIONE

Alla sera bisogna togliere dalla pelle tutte le tracce di sporco accumulate durante la giornata: smog, polvere, sebo e residui di make-up.

Consiglio in alcuni casi una doppia pulizia che prevede un olio detergente per sciogliere il trucco più pesante e poi la pulizia con il normale detergente.

Passaggio 2: TONER

Applica il tonico come il mattino. Il tonico se passato con il cotone permette un migliore assorbimento dei prodotti successivi.

Passaggio 3: CREMA CONTORNO OCCHI

Il contorno occhi oltre che a contrastare la presenza delle zampe di gallina e le occhiaie, serve anche a proteggere la zona delicata attorno agli occhi dai prodotti con azione esfoliante o molto attivi.

Passaggio 4: SIERI CREME

Come il resto del corpo la pelle svolge la maggior parte delle attività di riparazione e rigenerazione finché dormiamo.

Questo è il motivo per cui i trattamenti intensivi come creme al retinolo, acidi, sieri antiage a base di peptidi, fattore di crescita e altri ingredienti biologicamente molto attivi vengono riservati per la notte.

Suggerisco di scegliere un solo trattamento d’urto serale, in base alle esigenze del momento. Troppi passaggi di prodotti stratificano e, in alcuni casi, possono creare reazioni non controllate, diminuendo il risultato sperato.

Spero tu abbia trovato interessanti i miei suggerimenti.

Pin It on Pinterest