Fotobiostimolazione

La tecnologia della fotodinamica (PDT, Photo Dynamic Therapy) nasce da una ricerca che ha dimostrato che luci diverse possono stimolare la crescita dei fibroblasti e delle cellule muscolari 5 volte più velocemente. Una scoperta davvero notevole, un nuovo sistema non invasivo e privo di effetti collaterali, tanto che è approvato dai dermatologi e oggi ampiamente applicato nei protocolli per cura della pelle.

Conosciuta anche come tecnologia a LED, la terapia della luce che si traduce con l’applicazione di energia luminosa dalla quale si genera una reazione fotobiochimica naturale, la FOTOBIOSTIMOLAZIONE utilizza una bio-luce di oltre il 99% di purezza con effetto non termico, ha potere ringiovanente, antiossidante e antinfiammatorio.

I suoi benefici

  • Stimola la produzione dei fibroblasti e la ricostruzione delle fibre collagene del dermaL
  • le rughe diventano meno evidenti ed il tessuto si rimpolpa.
  • Aumenta l’elasticità e lucentezza della pelle.
  • Schiarisce le macchie cutanee rendendo omogeneo l’incarnato.
  • Rappresenta un ottimo rimedio per l’acne.
  • Favorisce l’assorbimento dei ristagni linfatici e stimola la microcircolazione.

La fotobiostimolazione utilizza 3 tipi di luce

Luce rossa: la luce rossa assorbita in modo selettivo dai pigmenti e dai vasi sanguigni dà come risultato il ringiovanimento generale cutaneo, con un rapido miglioramento dei pori dilatati, rughe sottili, pelli grigie e spente. Tonificazione cutanea, definizione dell’ovale del viso, attenuazione delle macchie, aumento delle capacità rigenerative della pelle.

Luce blu: inibisce l’infiammazione, uccidere il bacillo dell’acne in modo da eliminare l’acne della pelle.

Luce gialla: stimola i linfonodi e il sistema nervoso, rafforza la funzione muscolare e del sistema immunitario, libera la sensibilità della pelle. La luce gialla migliora efficacemente la microcircolazione, regola la vitalità cellulare diminuisce la macchia, inibisce la formazione della melanina. Aiuta a migliorare la qualità della pelle invecchiata.

 

Approfondimento

La luce rossa con lunghezza d’onda 640nmt di elevata purezza, accelerando la proliferazione della fibra collagena, permette un’azione enzimatica fotochimica molto efficiente. Attiva il citocromo Coxidizza e i mitocondri, producendo più energia per accelerare la sintesi di DNA, RNA e un’abbondanza di proteine ​​collagene e tessuti fibrosi che fungono da sostegno del nostro organismo. Accelera inoltre il turnover cellulare eliminando le cellule morte, portando con sé anche i pigmenti in eccesso. Questo trattamento migliorare la crescita cellulare, rimpolpa e ricostruire la struttura dermica e rende la pelle luminosa, tesa ed elastica.

La luce blu distrugge l’ambiente di vita dei batteri, attivando la funzione sterilizzante di antilegame con la lunghezza d’onda di 415nmt luce visibile blu-viola a banda stretta. Questa lunghezza d’onda corrisponde al valore di picco dell’assorbimento della luce di propionibacterium acnes, il quale dopo un processo di diseccitazione chimica libererà un sacco di ossigeno reattivo singoletto (ossigeno ad alta concentrazione), rendendo in maniera del tutto naturale un ambiente ostile per il propionibacterium, andando a limitare la proliferazione batterica e liberando la pelle da questo problema.

La luce gialla con lunghezza d’onda di 570nmt migliora efficacemente la microcircolazione, mitigando l’eritrosi facciale e regola la vitalità cellulare.

Il modo migliore di utilizzo

  1. Antiage, ringiovanimento viso: richiede 8 sedute ogni 3 giorni (dipende dal tipo di pelle).
  2. L’acne richiede 8 sedute a distanza di 2 giorni (dipende dal tipo di pelle).
  3. Riduzione delle macchie iperpigmentate: richiede 12 sedute ogni 4 giorni.

Il trattamento al viso può essere ulteriormente potenziato se alla fotobiostimolazione si aggiunge un trattamento cosmetico specifico.

× Scrivimi

Pin It on Pinterest