In questo periodo sui social mi appaiono sponsorizzazioni di prodotti esfolianti in cui si legge di quanto possano essere utili per migliorare pelle del viso

Condivido totalmente!

È uno step importante per avere una pelle luminosa e levigata, tuttavia a mio parere non ci siano sufficienti informazioni, su come e quale sia il prodotto più corretto esfoliante.
Per esempio si pensa che lo SCRUB sia un buon esfoliante ma in realtà lavora in maniera diversa (meccanica) e può non soddisfare le tue aspettative.

Vorrei darti il mio parere così da poter scegliere il prodotto più adatto a Te e ottenere una pelle luminosa, liscia e libera da imperfezioni.

Gli esfolianti chimici più conosciuti sono AHA, BHA, assieme al RETINOLO che io tra l’altro adoro.

Perché proprio in questa stagione? “La spiegazione è semplice: durante i mesi più freddi c’è meno luce, e la radiazione solare è meno intensa rispetto all’estate così si scongiurano i rischi di fotosensibilizzazione come le macchie”. Tuttavia resta un’indicazione abbastanza generica e non del tutto valida per la mia esperienza,
infatti consiglio l’esfoliazione 12 mesi all’anno ma eseguita in maniera intelligente.

Tornando a queste 3 tipologie di ingredienti, tra di loro non sono equiparabili: AHA BHA e RETINOLO donano incarnato radioso, promuovendo una esfoliazione graduale e progressiva, minimizzano le rughe sottili ma agiscono in modo decisamente differente.

Eccoti le informazioni base per capire in cosa si differenziano, come agiscono e quali sono le precauzioni da seguire per ottenere il massimo beneficio ed evitare sgradite sorprese.

La principale differenza tra queste 3 categorie di principi attivi risiede nelle rispettare la modalità di applicazione e scegliere l’ingrediente più adatto.

=

Gli AHA alfa-idrossi-acidi sono un gruppo di sostanze di origine vegetale e animale.

I più utilizzati in cosmetica derivano dalla natura e sono, per esempio,l’acido glicolico (ricavato da canna da zucchero, barbabietola, uva), l’acido lattico (derivato dalla fermentazione di speciali batteri su canna da zucchero o barbabietola) l’acido malico (ottenuto dalle mele). Svolgono un’azione essenzialmente esfoliante, perché sciolgono i legami delle cellule cutanee superficiali devitalizzate responsabili di ispessimenti e opacità, una volta scomposte e dissolte aprono la strada alla formazione di una nuova generazione di cellule cutanee fresche e vitali, rivelando un incarnato luminoso. Per via della rimozione degli ispessimenti, attenuano le linee superficiali e le rughe di recente formazione, ma non agiscono su quelle profonde. Questi acidi sono ben tollerati dalle pelli più grasse e spesse e possono essere formule in siero o liquido.

=

I BHA beta-idrossi-acidi il più conosciuto è l’acido salicilico ed è attivo con una percentuale del 2%.

È un prodotto molto versatile, indicato per le pelli impure con pustole, capace di eliminare il tappo di sebo che ostruisce i pori liberandoli dalla sporcizia. Mi piace in versione tonico per la proprietà di penetrazione, svolgendo azione batteriostatica, essicante e lenitiva. Ha proprietà decongestionanti anche su pelli con couperose e rosacea, infatti la rosacea è un’infiammazione vascolare della cute. Rispetto agli AHA lo ritengo più adatto per le pelli più sensibili oltre a quelle grassa e lucide.
=

Il retinolo è una molecola derivata della vitamina A

È un alleato indispensabile per il benessere della pelle che si comporta come una sorta di messaggero che attiva la rigenerazione cellulare. Nel periodo invernale è l’ingrediente magico che consiglio a tutte per una strategia antiage.
“Rispetto agli AHA va più in profondità: svolge sempre un’azione esfoliante ma riesce a neutralizzare l’attività dei radicali liberi, che favoriscono i processi di invecchiamento, e dà una spinta alla produzione di collagene ed elastina. Crea così un effetto “rimpolpante”, migliora consistenza e tono del tessuto cutaneo, rende meno evidenti linee sottili e rughe, attenua le discromie, restringe i pori dilatati ed è utilizzato anche per curare l’acne”. È un’antiage eccellente che allena la pelle giorno dopo giorno rendendola più forte.
Si presenta come siero notte, io consiglio sempre PRO-A di Dermorevision perché è ben tollerato dalla pelle rispetto altri brand che ho provato in passato, si applica inizialmente 2 volte alla settimana aumentando a 3 volte a settimana sino a utilizzarlo tutte le sere.

PRO-A siero notte

Siero viso PRO-A

Pro-A siero notte

Ricapitolando brevemente: i primi due AHA e BHA lavorano sulla texture della cute mentre il Retinolo dall’interno della cute compiendo un ringiovanimento.

Attenzione all’utilizzo scorretto

Bruciori, arrossamenti, prurito, irritazioni, secchezza, possono essere i principali effetti collaterali derivati all’utilizzo scorretto di cosmetici contenenti queste sostanze perciò fai attenzione quando si parla di cosmetici esfolianti il fai-da-te è sempre sconsigliato come agli acquisti sul web!

L’esfoliazione leggera è un metodo efficace per migliorare la pelle del viso e uno dei periodi migliori per iniziare è da adesso fino la primavera.
Se pensi di iniziare con uno di questi prodotti ti consiglio l’applicazione alla sera e al mattino non tralasciare l’utilizzo di un prodotto SPF.
Inizia con concentrazioni basse e a giorni alterni e man mano che la cute si abitua, passa all’impiego quotidiano.
Se mi lasci ti do un ulteriore suggerimento… meglio chiedere indicazioni a chi sa costruire una routine cosmetica su misura e sicura per Te.

Spero di esserti stata utile, se vuoi provare uno dei miei esfolianti o desideri consigli non esitare a chiedere, sono a tua completa disposizione.

Silvia

silvia gonzati tips di bellezza-rid

TIPS DI BELLEZZA

Desideri conoscere le novità sul modo beauty dove distribuisco tips per tenerti sempre aggiornata?

Se sei curiosa iscriviti qui, il link è questo: http://eepurl.com/c8MnV1

Pin It on Pinterest